• Nome: Giulia Mazza
Blog: Pazzy Giuly, Promise Me Stuff!
Primo post: Ottobre 2009
Bentornati nella nostra rubrica dedicata agli utenti di Tumblr! Oggi il nostro spazio è tutto per Giulia Mazza, una bravissima e giovane fotografa cresciuta in un paesino nei pressi di Mantova e trapiantata a Bologna. Giulia scatta fin da adolescente e ad oggi ha pubblicato su testate come Vogue Italia, Rolling Stones ed Enquire. Come se non bastasse, è anche la tastierista degli A Classic Education. Le abbiamo fatto qualche domanda.
Come è nata la tua passione per la fotografia?
E’ nata quando ho realizzato che quella vecchia Fujica regalatami da mio zio poteva essere l’amica speciale con la quale realizzare ciò che stava già lì pronto… solo in attesa di trovare il canale giusto.
Se potessi dare 3 consigli spassionati ad un fotografo in erba quali sarebbero?
Direi sicuramente di capire a fondo prima la tecnica per poi trovare il proprio linguaggio e poi di non tradirlo.
Cambiando tema: con gli A classic Education l’anno scorso avete fatto un mega tour, con più di 40 date in Nord America. Qual è stato il posto migliore e quello peggiore dove avete suonato?
Tutto il tour è stato pazzesco! La data che mi è piaciuta di più, direi una delle prime, al Bottletree di Birmingham, in Alabama. Mitico locale gestito da Brian Teasley, uno dei Man or Astro-man?, dall’arredamento di recupero accuratissimo. I camerini delle band sono delle roulotte anni 60/70 piene di intrattenimenti, come il mitico commodore 64!
La peggiore: l’ultima! Prima di tutto perché era l’ultima, quindi già malinconica di per sé, e poi perché situazione e mood del locale proprio non aiutavano. Il tour si è concluso a Columbus nell’Ohio e il locale era l’Outland.
Ultimo disco che hai comprato?
"Our House on the Hill" dei Babies.
Su Tumblr hai anche un altro (bellissimo) blog, Promise Me Stuff!. Ti va di dirci qualcosa su questo progetto?
Diciamo che un’altra delle mie grandi passioni è l’abbigliamento usato/vintage. Aprire un piccolo negozietto è nell’elenco dei miei desideri per questa vita. Però perchè non provare nel frattempo con uno store online? Così a settembre 2012 sono partita con Promise Me Stuff! La politica è un po’ quella da garage sale, prezzi bassi e accessibili e pezzi spesso recuperati tra privati appassionati di vintage. 
L’estetica dello Shop è molto mia, mi diverte, essendo fotografa, camuffarmi e interpretare personaggi di fantasia per proporre gli articoli. Come modelli coinvolgo i miei amici. Ci sono poi un sacco di riferimenti musicali e cinematografici nella presentazione dei prodotti. Nello shop c’è anche una sezione “PROMISE KEEPERS” dedicata a chi acquista: chiedo di mandarmi una foto dell’articolo comprato indossato.
Ho molte idee per il futuro e spero di riuscire a conretizzarle in breve tempo.
Cosa ti piace di Tumblr?
Direi l’immediatezza, soprattutto per il discorso immagini. E’ uno strumento perfetto anche per fare ricerca o semplicemente per svagare la mente.
Blog preferiti?
His Clancyness on the streets in your town, il foto diario della nuova band con cui sto suonando adesso, e Yvynyl, il Tumblr di Mark Schoneveld dedicato a musica emergente e nuove scoperte. Mi diverte sempre poi scovare Tumblr come: The Cosby Sweater Project, Fashion in Twin Peaks e Bad Postcards.
Grazie mille Giulia!
Foto: Pazzy Giuly

      Nome: Giulia Mazza

      Blog: Pazzy Giuly, Promise Me Stuff!

      Primo post: Ottobre 2009

      Bentornati nella nostra rubrica dedicata agli utenti di Tumblr! Oggi il nostro spazio è tutto per Giulia Mazza, una bravissima e giovane fotografa cresciuta in un paesino nei pressi di Mantova e trapiantata a Bologna. Giulia scatta fin da adolescente e ad oggi ha pubblicato su testate come Vogue Italia, Rolling Stones ed Enquire. Come se non bastasse, è anche la tastierista degli A Classic Education. Le abbiamo fatto qualche domanda.

      Come è nata la tua passione per la fotografia?

      E’ nata quando ho realizzato che quella vecchia Fujica regalatami da mio zio poteva essere l’amica speciale con la quale realizzare ciò che stava già lì pronto… solo in attesa di trovare il canale giusto.

      Se potessi dare 3 consigli spassionati ad un fotografo in erba quali sarebbero?

      Direi sicuramente di capire a fondo prima la tecnica per poi trovare il proprio linguaggio e poi di non tradirlo.

      Cambiando tema: con gli A classic Education l’anno scorso avete fatto un mega tour, con più di 40 date in Nord America. Qual è stato il posto migliore e quello peggiore dove avete suonato?

      Tutto il tour è stato pazzesco! La data che mi è piaciuta di più, direi una delle prime, al Bottletree di Birmingham, in Alabama. Mitico locale gestito da Brian Teasley, uno dei Man or Astro-man?, dall’arredamento di recupero accuratissimo. I camerini delle band sono delle roulotte anni 60/70 piene di intrattenimenti, come il mitico commodore 64!

      La peggiore: l’ultima! Prima di tutto perché era l’ultima, quindi già malinconica di per sé, e poi perché situazione e mood del locale proprio non aiutavano. Il tour si è concluso a Columbus nell’Ohio e il locale era l’Outland.

      Ultimo disco che hai comprato?

      "Our House on the Hill" dei Babies.

      Su Tumblr hai anche un altro (bellissimo) blog, Promise Me Stuff!. Ti va di dirci qualcosa su questo progetto?

      Diciamo che un’altra delle mie grandi passioni è l’abbigliamento usato/vintage. Aprire un piccolo negozietto è nell’elenco dei miei desideri per questa vita. Però perchè non provare nel frattempo con uno store online? Così a settembre 2012 sono partita con Promise Me Stuff! La politica è un po’ quella da garage sale, prezzi bassi e accessibili e pezzi spesso recuperati tra privati appassionati di vintage. 

      L’estetica dello Shop è molto mia, mi diverte, essendo fotografa, camuffarmi e interpretare personaggi di fantasia per proporre gli articoli. Come modelli coinvolgo i miei amici. Ci sono poi un sacco di riferimenti musicali e cinematografici nella presentazione dei prodotti. Nello shop c’è anche una sezione “PROMISE KEEPERS” dedicata a chi acquista: chiedo di mandarmi una foto dell’articolo comprato indossato.

      Ho molte idee per il futuro e spero di riuscire a conretizzarle in breve tempo.

      Cosa ti piace di Tumblr?

      Direi l’immediatezza, soprattutto per il discorso immagini. E’ uno strumento perfetto anche per fare ricerca o semplicemente per svagare la mente.

      Blog preferiti?

      His Clancyness on the streets in your townil foto diario della nuova band con cui sto suonando adesso, e Yvynylil Tumblr di Mark Schoneveld dedicato a musica emergente e nuove scoperte. Mi diverte sempre poi scovare Tumblr come: The Cosby Sweater Project, Fashion in Twin Peaks e Bad Postcards.

      Grazie mille Giulia!

      Foto: Pazzy Giuly